Mamma che ansia!

a cura della Dott.ssa Silvia De Luca Osteopata

Quanti di noi hanno provato questa emozione almeno una  volta nella vita?

Dire quasi tutti, è uno degli stati di animo più diffusi e frequenti  dei tempi moderni. Le sue caratteristiche possono essere: frenesia, in alcuni casi palpitazioni, tachicardia, fatica a respirare, un forte senso di paura o preoccupazione a volte fino al panico e soprattutto perdita di lucidità.

Già capita raramente di essere lucidi nella nostra quotidianità, che ci sia ansia oppure no, e questo perchè siamo quasi sempre immersi nelle nostre storie mentali, cioè nei nostri pensieri, dimenticandoci spesso della persona seduta accanto a noi o del panorama che ci circonda o delle condizioni climatiche di qui momento.

Insomma si potrebbe dire che ci disconnettiamo dai nostri sensi, nulla di grave…siamo umani, può succedere..però possiamo esercitarci a sentire il nostro corpo ancora e ancora e ancora per ridarci la possibilità di muoverci in modo fisiologico ed equilibrato.

Si perchè in alcuni casi l’ansia ci costringe a letto, imprigionati e bloccati nelle nostre paure – e questo può succedere a qualunque fascia di età , dai più giovani ai più maturi – oppure ci porta a correre a destra e a sinistra senza controllo oppure ci chiude lo stomaco o al contrario ci dà un appetito smisurato.

A questo punto quali sono le soluzioni?

Per prima cosa bisogna riequilibrare un po’ il corpo nei suoi componenti e nella sua mobilità , perchè gli stati emozionali  cosi’ intensi  generano e sono legati a irrigidimento e appesantimento  di alcune zone corporee  , una di queste è il muscolo diaframma , o l’area delle spalle  fino al blocco in alcuni casi.

Questo riequilibrio richiede allenamento,  perseveranza , pazienza  e dedizione nel coltivare scioltezza e morbidezza nel corpo e nella mente esattamente come ogni buona abitudine.

Un’altra cosa che possiamo fare è allenare la mente a rilassarsi, meglio ancora facendosi guidare. Non pretendiate di fare tutto da soli, insieme è più bello e piacevole.

L’augurio che faccio a tutti noi è coltivare benessere con lo scopo di fare amicizia anche con le nostre emozioni più oscure e spaventose.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *