Cloro, amico o nemico?

Le proprietà del cloro sono ben note a tutti: la sua azione igienizzante fa in modo che l’acqua della piscina si mantenga sempre pulita e priva di batteri, virus e funghi nocivi. La sua presenza e’ quindi inevitabile e soprattutto indispensabile.

Ma il cloro fa male alla pelle?

Quando la quantità nell’acqua è quella stabilita dalle norme vigenti assolutamente no. La pelle non corre alcun rischio.

I suoi effetti potrebbero diventare negativi solo quando si passa in acqua molto tempo: in questo caso è possibile riscontrare una pelle più secca.

Nelle persone con pelle particolarmente sensibile si potrebbe sviluppare un allergia a questo elemento. I sintomi sono: rossori, pelle screpolata, eczemi e prurito. In questi casi è bene consultare un dermatologo ed utilizzare i prodotti protettivi che ci sono in commercio.

Dopo ogni allenamento è comunque consigliato fare una doccia tiepida, utilizzare detergenti neutri e poco schiumosi che non aggrediscano la pelle e non dimenticare l’importanza dell’idratazione: una crema nutriente per il viso e un olio emolliente per il corpo.

Per i capelli la questione è differente. Il cloro tende ad eliminare gli olii naturali che proteggono i nostri capelli rendendoli secchi, spenti e sfibrati. Per proteggerli è bene usare una cuffia in silicone e applicare un prodotto specifico magari a base di olio di cocco prima di entrare in acqua.

Dopo l’allenamento lavarli con uno shampoo specifico, idratante e delicato ed applicare un balsamo rigenerante per renderli morbidi e lucenti contrastando l’effetto crespo.

Ora non avete più scuse… si nuota!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *